manlio_benzi_31Arrivo alla musica da una più variegata necessità dell’espressione artistica. Poesia, letteratura e teatro ne sono complementari anime gemelle che non posso mai dimenticare nel mio essere musicista.
Così sin dagli anni di formazione ho accompagnato gli studi di composizione e direzione d’orchestra a quelli letterari e musicologici.

Già le prime esperienze lavorative sono state segnate dalla ricerca di un unitario ideale punto d’incontro: prima un festival di Musica e letteratura nella città di Rimini, dove sono nato, la costituzione dell’Orchestra da camera Erlebnis, con cui affrontavo prevalentemente musiche del repertorio mitteleuropeo della fin de siècle, poi in anni più recenti il Festival Notti Malatestiane. In quella bellissima manlio_benzi_36avventura ho potuto in modo particolare e sistematico frequentare diversi modi di fondersi di musica e teatro di parola (melologhi, melodrammi, musiche di scena, opera comique, ecc).
Tante sono state le opere inedite riscoperte, in uno spirito di grande curiosità intellettuale e di ricerca musicologica, convinto che la sollecitazione filologica o scientifica possa essere vitale risorsa alle urgenze dell’espressione artistica.
Naturalmente oltre alla passione per le rarità ho negli anni consolidato il più tradizionale repertorio lirico e sinfonico, che mi ha permesso di collaborare con importanti teatri e istituzioni musicali europee.

Dal 1999 insegno presso il Conservatorio Rossini di Pesaro direzione d’orchestra, cosa che mi costringe costantemente a riflettere sul senso e la funzione di questa professione a tratti così inafferrabile e spesso in tanti sensi misconosciuta…

Vai alla biografia completa

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail